MAME: Cosè, come si installa e dove trovare le rom

MAME (Acronimo di Multiple Arcade Machine Emulator) è un software sviluppato inizialmente per Amiga e in seguito per quasi tutte le macchine e sistemi operativi in circolazione, in grado di emulare varie piattaforme di gioco arcade.

Il primo autore del progetto è stato Nicola Salmoria, che ha iniziato a lavorare all’emulatore il 24 dicembre 1996. Salmoria aveva avuto l’idea di unire più emulatori trovati in rete (tra i quali un primitivo emulatore di Pac Man) in un unico programma in grado di eseguire più giochi.

La prima versione è stata rilasciata il 5 febbraio 1997; funzionante in ambiente MS-DOS da riga di comando, questa versione è in grado di eseguire cinque titoli. In breve tempo il progetto ha cominciato ad attirare l’attenzione di altri sviluppatori, che hanno iniziato a collaborare inserendo nuovi driver per il funzionamento dei videogiochi, grazie ad una peculiare architettura del codice sorgente.

Nel 1997 è cominciato lo sviluppo parallelo di MAME32, una versione adattata all’ambiente Windows a 32 bit con l’aggiunta di una GUI (interfaccia grafica) che ne facilita notevolmente l’utilizzo, soprattutto per chi non conosce i comandi DOS. Nel 1998 la versione 0.34 raggiunge la quota dei 1000 titoli supportati. Dal 2001 la versione ufficiale del MAME non viene più sviluppata sotto DOS ma sotto Microsoft Windows, sempre senza interfaccia grafica, come programma a riga di comando. L’ultima versione stabile di MAME è la 0.185, rilasciata il 26 aprile 2017: sono supportati oltre 10.000 titoli, 32.000 contando anche i vari cloni.

In quasi tutti i giochi arcade i dati sono memorizzati in chip di memoria di sola lettura sebbene in alcuni casi siano utilizzati anche floppy disk, CD-ROM o cassette. I dati contenuti in questi supporti vengono letti e riscritti in file contenenti l’esatta copia del chip da cui provengono attraverso un processo chiamato dumping. Tali file vengono chiamati ROM.

Come si installa?

Per giocare con questi giochi è molto semplice basta scaricare il l’emulatore che ci servirà per far girare le rom sul nostro pc, basta andare nella sezione download del sito mamechannel (https://www.mamechannel.it/pages/mamedownload.php), dove come potete vedere nella colonna partners ce anche il nostro logo, 

1) scaricare il file MAMEUI32 o MAMEUI64, la scelta dipende dal sistema operativo che usate,

2) una volta scaricato basta fare doppio clic sul file zip e estrarre il contenuto del file zip 

3) l’emulatore a questo punto è già pronto perché non si installa ma basta entrare nella cartella appena scompattata ed eseguirlo e attendere che si apra, cliccando su questa icona.

4) la prima schermata che si apre è  questa che vedete sotto ed non è altro che la lista di tutti i giochi che l’emulatore supporta circa 1600.

5) per trovare i giochi con cui potete giocare dovete spostarvi nel menu AVAILABLE ( la seconda voce di menu) dove non proverete nulla perchè all’ interno dell’emulatore non ci sono giochi per il semplice fatto che è illegale distribuirlo con le rom all interno.

6) per scaricarle è semplicissimo vi invitiamo a visitare la sezione MAMEDOWNLOAD nel nostro sito e li troverete molti giochi che è possibile usarli con l’emulatore.

questa sezione l’ abbiamo divisa in pacchetti in ordine alfabetico. 

7) Scaricatene uno o quanti pacchetti volete scompattare il pacchetto principale e inserite  nella cartella (roms) tutti i pacchetti appena scaricati che trovate nella cartella dell’emulatore.

Come ultimo passaggio cliccate sul menu file e selezionate la voce AUDIT ALL GAMES e a questo punto l’emulatore farà una scansione di tutti i file (in ordine alfabetico) e mano mano che li trova li aggiunge alla schermata AVAILABLE dove una volta terminata la scansione basterà fare doppio clic sul file con cui volete giocare e cominciare e divertirvi.

Read More

Powerbank un accessorio indispensabile

Probabilmente a tutti voi che leggerete questo articolo vi è capitato, almeno una volata, di restare con lo smartphone scarico e magari vi serviva con urgenza.

Purtroppo le batterie dei nostri cari e amati smartphone durano sempre troppo poco per come usiamo oggi giorno questi device

quindi o siamo costretti a vivere con il caricabatteria del telefono sempre con noi

oppure ci dobbiamo procurare un powerbank che ci permetta di caricare una o più volte il nostro smartphone in caso di emergenza o di un utilizzo massiccio.

Di seguito troverete una selezione di prodotti per tutte le tasche ed esigenze, date anche un occhiata ai caricabatteria per far si che esso stesso venga ricaricato bene.

[

Schede Video AMD compatibili con Mojave

Oggi il Team di Techforonly vi presenta una serie di schede video AMD compatibili con l’ultimo sistema operativo di casa Apple, stiamo parlando di MacOS Mojave giunto ormai alla versione 10.14.5. Dopo gli ultimi aggiornamenti ed in particolare dal passaggio da High Sierra a Mojave, Apple ha piano piano eliminato il supporto ad alcune schede video Nvidia, di conseguenza la comunità Hackintosh ha iniziato sempre più ad usare schede video AMD. Ecco una serie di Schede AMD top di gamma:

Kali Linux un ottimo strumento per la sicurezza Wi-Fi e l’analisi forense

Oggi vi presentiamo una nuovissima distribuzione linux, Kali Linux un ottimo strumento per la sicurezza Wi-Fi e l’analisi forense, basata su BACKTRACK LINUX, giunta ormai alla versione 2017.3. Questa distribuzione è di fondamentale importanza per tutti quelli che fanno della sicurezza su Reti un ottimo cavallo di battaglia. Utile anche a tutti gli appassionati di terminale e comandi DOS, che vogliono cimentarsi nell’analisi della propria rete domestica, scoprendo vulnerabilità e punti deboli. Ricordiamo che la Kali Linux è ricca di Tools per tutti i tipi di test: si passa dagli attacchi alle reti Wi-Fi, tramite appositi algoritmi, fino all’analisi forense degli eventi presenti sul PC di destinazione.

Passiamo allora alla guida su dove trovare e configurare questa importantissima distribuzione linux.

In base alle caratteristiche hardware del nostro PC possiamo scaricare la relativa immagine dedicata:

Rechiamoci a QUESTO indirzzo per poter scaricare la iso.

Ovviamente una volta ottenuta le ISO relativa, possiamo scegliere se masterizzarla su un DVD oppure creare una penna USB avviabile da qualsiasi PC.
Per la creazione della penna USB direttamente da WINDOWS possiamo rifarci a questo utilissimo programma RUFUS, quindi seguiamo la semplice guida:

Per l’avvio della penna USB e i relativi passi invece guardiamo questa guida:

Standard WiFi: Come distinguerli e che differenza ce tra di loro

 

Oggi siamo invasi da dispositivi tutti muniti di WIFI, e quasi sempre ci sono dei numeri abbinati ad una letterina abbinata ma cosa significa quella lettera? Ovviamente sono standard di velocità che vanno sempre ad aumentare sia il trasferimento dati che il loro raggio di ricezione.

Ma procediamo con ordine e partiamo anzitutto dai numeri, gli 802.11 che trovate come identificativi di questo tipo di connessione: essi sono stati scelti perdifferenziare la WiFi dalla Ethernet e dal Bluetooth, i quali sono targati rispettivamente con 802.3 e 802.15.

Ecco di seguito le differenze tra tutti gli standard WiFi b, g, n, a, ac, ah, ad e af,

  • WiFi a subito sostituito dallo standard b perche molto lento
  • WiFi b indica una connessione con velocità di 11 mbps e banda pari a 2.4 GHz di frequenza;
  • WiFi g indica una velocità di 54 mbps e banda uguale a quella della WiFi b;
  • WiFi n ha una banda di 5 GHz con velocità di trasmissione teorica pari a 150 megabit;
  • WiFi ac ha banda pari a 5 GHz e 800 mbps di velocità.+

I nuovi standard WiFi: ad, ah e af

Recentemente è stato annunciato lo standard WiFi ad, con velocità pari a 7 Gpbs e frequenza pari a 60 GHz: non potendo, il segnale, attraversare i muri, questo tipo di WiFi è utilizzabile solo se nella stanza ci sono due dispositivi connessi: basti pensare alla possibilità di vedere in streaming un film dello smartphone sulla vostra TV.
La tecnologia WiFi ad non è stata ancora implementata su molti dispositivi; al momento, in effetti, l’unico smartphone a offrirla è il LeTv Max Pro, recentemente presentati.
Ma non è finita qui, perché nuovi standard si affacceranno sulla scena: parliamo, per la precisione, di WiFi ah. Quest’ultimo è usato per le lunghe distanze e sicuramente sarà impiegato per l’Internet delle cose, grande protagonista della conferenza Samsung al CES 2016 di Las Vegas.
Terminiamo con WiFi 802.11 af, che potrebbe viaggiare persino sulle frequenze televisive (si dice tra i 54 i i 790 GHz).

Bene sperando di essere stati chiari ora sapete che differenza ce tra le WIFI e se dovete fare un acquisto saprete orientarvi.